L85

l85La storia:

Contemporaneamente a molte altre case europee, la Enfield negli anni ’70 progettò un fucile basandosi sul calibro 5.56 NATO, per andare a sostituire il vetusto FN FAL.

L’arma concepita inizialmente come SA80 (Small Arm for 1980s) era sostanzialmente un derivato dell’americano AR18 (progetto successivo all’AR15 che poi avrebbe generato l’M16) ma adattato in un fucile di tipo bullpup.

Sviluppato successivamente come SA80IW venne adottato dall’esercito solo nel 1984, dopo la guerra delle Falkland. L’utilizzo da parte dei soldati però sottolineo parecchi problemi, di cui alcuni molto seri. Sostanzialmente si è rivelato molto inaffidabile e problematico da maneggiare e mantenere; per questi motivi nel 1997, dopo anni di costanti lamentele, venne aggiornata la maggior parte degli L85 in servizio.

Il programma di aggiornamento, commissionato tra il 2000 e il 2002, fu portato avanti dalla HK, che al tempo era sotto il possesso della British Royal Ordinance (investitori tedeschi riportarono poi la HK in Germania nel 2002). Circa 200’000 fucili sui 320’000 prodotti vennero sistemati e portati allo step di L85A2.

L’attuale L85A2 è riconosciuto come un fucile molto preciso ed affidabile, specialmente usando l’ottica SUSAT standard. Rimangono alcune pecche come lo sbilanciamento complessivo del fucile, l’estrazione dei bossoli solo sul lato destro e il selettore di fuoco scomodo.

Può essere equipaggiato con il lanciagranate da 40mm prodotto dalla stessa HK.

 

Calibro: 5.56x45mm

Rateo di fuoco: 650 rpm

Caricatori: 30 colpi

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento